fbpx

Il Ballo del Doge a Venezia, tra i 10 eventi più esclusivi al mondo

106173

Il Carnevale è uno dei “monumenti” più celebri in tutto il mondo di Venezia. Ritorna dal 4 al 21 febbraio prossimo animando campi, piazze, calli e campielli in laguna e trasformando la città in un vero e proprio cocktail di festa e divertimento dove si susseguono appuntamenti di spettacolo, gastronomia e musica.

Tra gli eventi più esclusivi e mondani veneziani, in programma per sabato 18 febbraio, brilla Il Ballo del Doge che ritorna per questa 30°edizione nella prestigiosa cornice della Scuola Grande della Misericordia, tra i più bei palazzi veneziani.

Il ballo del Doge

È il Ballo in maschera per eccellenza, il primo che ha riportato in auge l’atmosfera sfarzosa dell’aristocrazia veneziana durante la Serenissima, fatta di feste, balli e banchetti e diretto dal genio creativo di Antonia Sautter. La creativa tedesca è conosciuta nel mondo del cinema per aver realizzato le maschere del film di Stanley Kubrick “Eyes Wide Shut”.

«Ha un significato importante e sono orgogliosa di essere arrivata a realizzare assieme al mio fantastico team ben trenta edizioni di questo evento unico – racconta Antonia Sautter, stilista e creativa imprenditrice conosciuta in tutto il mondo per le sue realizzazioni-. Il Carnevale veneziano è sinonimo di creatività e Venezia come nessun’ altra città si presta al gioco tra sogno e fantasia. Il Ballo del Doge è espressione dello spirito di questo periodo dell’anno nel quale, con un costume si può rappresentare al meglio se stessi o ciò che si vorrebbe essere. E’ il mio personale “dream in progress” fin da quando ho realizzato la prima edizione».

Take your Time for the Original Signs è il titolo di questa esclusivissima edizione ed è ispirata ai segni delle costellazioni, oltre che ai simboli originali della festa veneziana e firmato dal direttore artistico e scenografo del Gran Teatro La Fenice, Massimo Checchetto.

8613702592 Il Ballo del Doge 2017

Una festa prestigiosa, ricercata ed esclusiva che regala agli ospiti la magia di ambientazioni da sogno, dove si tornerà a svolgere il gioco collettivo più intrigante, brioso, seducente e lussuoso del Carnevale Veneziano.

Una serata incantata tra sfarzo, arte e magia, rigorosamente in maschera, con un sontuoso costume d’epoca, espressione sartoriale dell’alto artigianato veneziano. Si tratta di veri e propri capolavori nati dalle abili mani di sarte creative che lavorano con passione pregiati tessuti, con cura per i più minuziosi.

4221

Gli abiti sono infatti tra i protagonisti principali dell’evento e parte integrante del sogno carnevalesco firmato da Antonia Sautter.
«Io stessa nasco artigiana – afferma la Direttrice artistica Antonia Sautter – Amo definire il mio percorso con una metafora. Negli anni sono diventata una direttrice d’orchestra che dirige la sua sinfonia».

Partecipare al ”Ballo del Doge” permette di varcare la soglia della creatività e immergersi nel bello di un universo parallelo, animato da artisti e saltimbanco, maschere, scenografie inaspettate, sontuose composizioni floreali e allestimenti regali.

Gli ospiti, che arrivano da ogni parte del mondo, si immergeranno in immaginifiche coreografie e straordinarie e sfarzose ambientazioni con performance di oltre un centinaio di artisti. Un evento artistico con cena di gala, spettacolo, ballo, tra i primi dieci appuntamenti più esclusivi al mondo.

Il Ballo del Doge 2018 932x620 1

Richiama infatti ogni anno partecipanti provenienti da tanti paesi diversi e personalità del mondo del cinema, della musica e della moda. David Bowie, Antonio Banderas, Zucchero Fornaciari, Bebe Vio e Alberta Ferretti sono solo alcune delle celebrità che hanno preso parte al “Ballo del Doge”.

Il ”Ballo del Doge” è riservato a 400 facoltosi ospiti, disposti a spendere fino a 3.500€ a persona per il pacchetto “gold” maschera inclusa, e andrà in scena nella notte più esclusiva tra sogno e incanto.

Seguici e condividi l'articolo:
icon Follow en US
Pin Share


error: I contenuti del magazine online Moltouomo.it sono protetti da Copyright